L’ammorbidente è un additivo normalmente utilizziamo ogni volta che facciamo il bucato.

Ne esistono di mille tipi, colori e profumazioni diverse, ma la funzione è sempre la stessa: donare morbidezza e profumo ai nostri capi d’abbigliamento che altrimenti, con il solo uso del detersivo, risulterebbero “duri”.

Tuttavia, anche l’ammorbidente ha i suoi lati oscuri ed è bene conoscerli, sia per proteggere la nostra salute, che quella dell’ambiente.

COME FUNZIONA L’AMMORBIDENTE E PERCHE’ INQUINA?

L’ammorbidente va versato nell’apposita vaschetta della lavatrice e viene rilasciato verso la fine del lavaggio.

Questo perché non deve essere risciacquato del tutto, dato che il suo scopo è quello di ammorbidire le fibre dei tessuti, ricoprendole di molecole che ne evitano l’indurimento.

In parole semplici è tutta una questione di cariche: dopo il lavaggio le fibre tessili hanno per lo più carica negativa (anionica). Le molecole di ammorbidente invece presentano carica positiva (cationica), quindi si legano a quelle negative e le neutralizzano.

Così la carica neutra rende i nostri panni morbidi al tatto.

La brutta notizia però è che, molte delle sostanze comunemente contenute negli ammorbidenti classici, sono altamente dannose per la nostra salute e quella dell’ambiente.

Parliamo di formaldeide, causa di irritazione delle mucose e del tratto respiratorio, tensioattivi cationici e derivati del petrolio.

Se vuoi approfondire, leggi  anche “Detersivi: Perché e Quanto Inquinano? Soluzioni ed Alternative Ecologiche

Infatti, se dopo aver letto questo articolo vai a prendere il flacone di ammorbidente che stai utilizzando ora, molto probabilmente troverai questo simbolo stampato sull’etichetta posteriore.

Bucato Sostenibile: 5 Alternative Ecologiche ai Detersivi

Simbolo che definisce un prodotto come “pericoloso per l’ambiente”

Ci avverte, in maniera esplicita, che la sostanza che stiamo per utilizzare provoca danni ambientale a lungo termine e morte di piante ed animali. Sia in ambiente terreste che acquatico.

Il che è ironico (e tragico) se pensi che si riferisce ad un prodotto per lavare vestiti che andranno a diretto a contatto con la nostra pelle e che, infine, verrà direttamente riversato nello scarico e quindi in mare.

ALTERNATIVE ECOLOGICHE ALL’AMMORBIDENTE

Ecco che, per evitare tutti questi problemi, abbiamo due alternative principali: il fai da te o gli ammorbidenti ecologici.

Il primo metodo si basa sull’utilizzo di altre sostanze tipo bicarbonato, aceto ed altri.

Il secondo invece prevede sempre l’utilizzo di detersivi ma ecologici e biodegradabili.

Vediamoli meglio.

1. BICARBONATO DI SODIO

Bicarbonato di Sodio - Busta

Voto medio su 157 recensioni: Da non perdere

Per utilizzarlo come ammorbidente ti basterà sciogliere 6 cucchiai di bicarbonato in 1l di acqua.

A questo punto inserisci la quantità a te necessaria nella vaschetta dell’ammorbidente e procedi con il normale ciclo di lavaggio.

Per approfondire “Bicarbonato di Sodio: 34+ Usi che Non ti Aspetti

2. ACETO

Metti 3 cucchiai di aceto di vino bianco nella vaschetta dell’ammorbidente.

I tuoi capi saranno soffici in maniera del tutto naturale.

Non puzzeranno di aceto in quanto verrà lavato via, ma se desideri anche profumarli ti basterà aggiungere all’aceto nella vaschetta qualche goccia del tuo olio essenziale preferito.

Leggi anche “I 9 Oli Essenziali più Comuni e le loro Proprietà

3. ACIDO CITRICO

Acido Citrico Anidro Puro

Voto medio su 399 recensioni: Da non perdere

L’acido citrico è quello che comunemente si trova nei limoni, ma in questa forma pura ed in polvere è più facile da utilizzare.

È un ottimo ammorbidente per il bucato ed è facilissimo da usare.

Basta diluirlo in una soluzione al 15%, cioè sciogliendo 150 gr di acido citrico in 1 litro di acqua ed è pronto.

La soluzione poi va aggiunta direttamente nella vaschetta dell’ammorbidente.

I panni usciranno morbidi, puliti e privi di odori chimici!

Leggi anche “Acido Citrico: Cos’è, a Cosa Serve e Come si Usa

4. AMMORBIDENTE ECOLOGICO

Ammorbidente Ecologico Neutralizzante a Mano e in Lavatrice - Softener

Voto medio su 188 recensioni: Da non perdere

Se invece preferisci continuare ad utilizzare il flacone di ammorbidente o lo trovi più comodo, in commercio esistono alternative totalmente ecologiche e biodegradabili.

Nell’INCI (la lista ingredienti) infatti trovi sempre i tensioattivi, ma la differenza è che invece che essere stati sintetizzati chimicamente in laboratorio, sono tutti di origine vegetale e per questo 100% biodegradabili.

Anche le profumazioni utilizzate sono di origine naturale (fiori e piante, oli essenziali ecc.) e non sintetiche.

Insomma l’impatto ambientale è comunque ridottissimo.

CONCLUSIONI

Gli ammorbidenti sono additivi per il bucato comunemente utilizzati ma non privi di rischi.

Infatti contengono pericolose sostanze chimiche irritanti e derivati del petrolio dannosi per l’ambiente.

La buona notizia è che ad oggi esistono molte alternative ecologiche e 100% biodegradabili tra cui scegliere.

Se desideri approfondire l’argomento e conoscere tanti altri trucchetti naturali, ti consiglio questo libro “Detersivi fatti in casa. Com preparare prodotti per la pulizia semplici e naturali”.

Detersivi fatti in Casa

Voto medio su 2 recensioni: Buono

E tu, utilizzi già queste alternative ecologiche? Ne conosci alte? Scrivile nei commenti!

P.S. Se vuoi ricevere altri consigli per uno stile di vita sostenibile, ti ricordo che ho creato una miniguida gratuita! Per riceverla, basta che scorri in fondo alla pagina ed inserisci la tua email!